Relitto del Kent

Il Kent è una nave cargo affondata nel luglio del '78 dopo che si era sviluppato un incendio a bordo che costrinse l'equipaggio ad abbandonare la nave. Si trova su un fondale a circa -54 mt fortemente colonizzato da tante forme di vita marina che hanno trovato riparo nelle fenditure.

Il ponte del Kent è a una profondità di circa -44 mt, la nave è intera e  in assetto di navigazione ma date le dimensioni e profondità  non può essere visitata con un unico tuffo. Una volta raggiunto il ponte si procede per poppa o prua entrambe interessanti. A poppa attraverso un passauomo si accede ad un ponte coperto con vari accessi al relitto, a quota inferiore anche il ponte di comando è accessibile ed è spesso luogo d'incontro di grosse musdee che vagano per il relitto.
Verso prua si può osservare una delle gru di carico  e l’albero della nave, dove spesso si incontrano Scorfani rossi di dimensioni non comuni, lungo il percorso si possono osservare l'ancora e l'elica di rispetto, delle scale portano poi al verricello da dove parte la catena dell'ancora, mentre la murata di sinistra è interamente colonizzata da gorgonie rosse e non comune un bel ramo di eunicella verrucosa dal colore bianco candido. Poco distante dal relitto vi sono i containers che dopo trent’anni circa mantengono ancora integro il loro carico di libri del Corano, da qui il soprannome nave dei corani.

Tipo di immersione:  relitto
Esperienza:   Deep - Extended Range - Specialità Wreck
Profondità massima:  55 mt.
Note:  corrente assente; accesso in barca 15/20 min

 

Richiedi un preventivo

Powered by ChronoForms - ChronoEngine.com

Emmè Pubblicità